Bernardeschi, il piano viola: tutti fondamentali, nessuno incedibile