Lichtsteiner: "Contenti di non aver preso il Real, ma Monaco squadra pericolosa"

Lichtsteiner: “Contenti di non aver preso il Real, ma Monaco squadra pericolosa”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Con la crescita di Dani Alves, finalmente “ambientato” nei meccanismi tecnico-tattici di Allegri e della sua Juventus, Stephan Lichtsteiner è stato costretto ad assistere dalla panchina alla doppia sfida contro il Barça in Champions. E difficilmente troverà spazio nelle sfide contro il Monaco in semifinale.

#MONACOJUVE, PARLA LICHTSTEINER

Tuttavia, nonostante abbia perso il ruolo di “titolarissimo” nell’11 di Allegri, Lichtsteiner resta uno dei leader assoluti dello spogliatoio bianconero. Un professionista e un uomo su cui poter contare sempre.

Intervista per Sky Sport 24

In esclusiva ai microfoni di Sky Sport, il numero 26 della Juventus ha commentato l’esito dell’urna di Nyon:

SORTEGGIO

“Il sorteggio l’abbiamo visto tutti qui a Vinovo, con la squadra. Così come abbiamo fatto per gli altri sorteggi. Quindi, come sempre in famiglia”.

AVVERSARIO DA NON SOTTOVALUTARE

“Il Monaco è sicuramente un avversario ostico, da non sottovalutare. Da una parte eravamo contenti di non aver presto il Real Madrid, ma dall’altra sappiamo che il Monaco è una squadra molto pericolosa”.

DOPO DUE ANNI

“Non conosciamo ancora molto del Monaco, non è che abbiamo visto i video dopo il sorteggio. Però sappiamo un po’ come giocano avendoli affrontati due anni fa, anche perché hanno sempre lo stesso allenatore. In fase offensiva sono molto forti e davanti sono veloci. Se posso individuare un punto debole, anche se non li ho mai visti, è che non hanno tanta esperienza, sono una squadra molto giovane. Ma fanno tanti goal e dobbiamo fare attenzione”.

 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy