Verso Porto-Juve, Yacine Brahimi: l'asso nella manica?