Disfatta Juve: 5 motivi per non andare nel panico

Disfatta Juve: 5 motivi per non andare nel panico


Una Caporetto in piena regola. La disfatta Juve andata in scena oggi in occasione della partita contro l’indemoniato Genoa lascerà parecchi strascichi. I malumori sono iniziati dal 30′ del primo tempo, quando la Juventus l’imbarcata l’aveva ormai presa. Qualche irriducibile sperava ancora nella rimonta prodigiosa, ma Genoa-Juventus è stata un esempio di giornata storta che niente può raddrizzare.

Fine di un ciclo? Juventus ridimensionata? Un intero ambiente si interroga e continuerà a interrogarsi sulla disfatta Juve di oggi, ma andare nel panico non è la soluzione. Esistono dei motivi validi per pensare che non c’è nulla di cui preoccuparsi. Di motivi per non andare nel panico ce ne sono almeno cinque.

Prestazione irripetibile

genoa-juveUna partita del genere la Juventus non la giocherà mai più. Non è assolutamente comparabile alle altre due sconfitte della stagione con le milanesi: qui si parla di vera e propria disfatta in qualsiasi zona del campo. La Juventus ha mai, in questi anni di dominio, cannato in maniera così netta e quasi umiliante due partite nella stessa stagione? La risposta è negativa. La Juventus ne ha perse poche in questi cinque anni e mai senza creare il nulla cosmico nell’area di rigore avversaria come è avvenuto oggi. Vien da sé che una squadra con il curriculum dei bianconeri non può essere diventata lo sparring partner del Genoa di turno. Giornata storta, niente di più.

Condizione fisica

La Juventus non ha visto palla. Questo è un dato incontrovertibile. I giocatori genoani sono sempre arrivati primi sul pallone, hanno vinto tutti i contrasti e non hanno mai gettato via la sfera, complice una mancanza di cattiveria e di corsa che ha impedito agli uomini di Allegri di fare pressing sul portatore di palla. Quest’anno la Juve ha corso tanto, forse, solo con il Sassuolo. La preparazione fisica è stata cannata? Non è stata proprio fatta? Assurdità.

Siamo di fronte a professionisti che non possono permettersi errori così marchiani. Allora cosa è successo? Molto probabilmente la condizione fisica è davvero “l’uomo” in meno di questa squadra nella prima parte di stagione. La preparazione è stata, quindi, si presume, impostata per dare i suoi frutti da marzo in poi (o anche un mesetto prima). Pensare che questa Juve non possa correre più di così è da film dell’orrore, ma gli horror sono finti.

Compattezza Juve dopo una sconfitta

buffon-grintaQual è la costante in questi anni di successi dopo una sconfitta? Una risposta sempre pronta e spesso talmente dirompente da spazzare via qualsiasi avversario. Successe per ben due volte con Conte in panchina: Inter di Stramaccioni (1-3) e Fiorentina di Montella (4-2). Due sconfitte amare, ma dopo le quali la Juventus ha letteralmente massacrato gli avversari. Dopo la sconfitta di Firenze arrivò addirittura il record di 102 punti. Con Allegri sulla panchina bianconera le cose non sono cambiate. Sconfitta proprio contro il Genoa con gol di Antonini a un secondo dal termine e, la scorsa stagione, miracolo sportivo dopo dieci giornate di risultati sconcertanti.

La Juventus ha sempre risposto presente. Non ha mai abdicato dopo queste battaglie perse. La guerra alla fine l’ha vinta la corazzata bianconera. Il gruppo Juve si compatta dopo una cocente sconfitta: è quindi questo uno dei cinque motivi per non andare nel panico.

Allegri imparerà dai suoi errori

Errare humanum est, perseverare autem diabolicum. La formazione messa oggi da Allegri – al netto di defezioni e scelte dettate dalla partita giocata col Siviglia – non era certo la perfezione fatta squadra. Almeno tre giocatori fuori ruolo, tra cui spicca Dani Alves terzo di difesa. Le assenze possono essere una motivazione, ma se ciò che hai a disposizione lo metti anche in posizioni errate cercando di arzigogolare qualcosa che di suo è molto semplice, allora te le cerchi. Non stiamo qui a dire che sia semplice mettere in campo una squadra, ma lo è schierare nel proprio ruolo ogni singolo giocatore. La partita poi puoi perderla lo stesso, ma almeno i giocatori non avranno vagato senza meta per il campo.

Allegri è una persona preparata e molto intelligente. Dopo una partita giocata così male, saprà riconoscere i propri limiti e i propri sbagli. L’allenatore della Juventus da oggi in poi ci penserà dieci volte prima di mettere in campo una formazione senza un filo conduttore.

Quattro punti di vantaggio

juventusNonostante la sconfitta di Marassi, nonostante tre sconfitte in stagione, nonostante una condizione precaria, la Juventus conserva quattro punti di vantaggio sul Milan e, se vincerà col Pescara, sulla Roma. Quattro punti equivalgono a una vittoria e un pareggio. Se la Juventus nelle prossime due dovesse avere un mancamento e fare un solo punto, rimarrebbe in testa. Questo fa capire che anche chi insegue non è esente da brutte figure e risultati non pronosticabili.

Quattro punti sono un bel bottino da difendere. Oltretutto, se questo bottino dovesse assottigliarsi per qualsiasi motivo, la Juve si schiererebbe a mo’ di falange oplitica in difesa del sesto titolo consecutivo. Quando il gioco si fa duro, la Juve entra in campo e fa incetta di scalpi nemici.

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl