Reina: "Buffon a 38 anni è ancora tra i migliori, è un riferimento. Bonucci è come un centrocampista in più"

Reina: “Buffon a 38 anni è ancora tra i migliori, è un riferimento. Bonucci è come un centrocampista in più”


Ai microfoni di Marca il portiere del Napoli e della Nazionale spagnola Pepe Reina racconta la sua Italia, quella che stasera affronterà allo Juventus Stadium di Torino. Ecco le sue parole:

buffon-reina

RAPPORTO CON BUFFON – “L’Italia è casa mia. Sono felice in una città come Napoli, che è molto simile al sud della Spagna. Buffon? Non c’è molto da scoprire, a 38 anni rimane uno dei migliori portieri in circolazione. In Italia è un riferimento per tutti i giovani, è in un grande momento. Ho un buon rapporto con lui, nonostante la rivalità sportiva tra Juve e Napoli. C’è rispetto reciproco e da parte mia tanta ammirazione. E’ un esempio per qualsiasi portiere”.

BBC E AZZURRI – “L’assenza di Chiellini può essere importante. I tre centrali della Juve e il portiere sono una macchina perfetta che ha permesso alla Juve di essere per tanto tempo la squadra che ha subito meno gol in serie A. In particolare mi piace Bonucci. Esce palla a piede in maniera impressionate, è aggressivo in difesa e per come gioca la palla è quasi un centrocampista in più. Vediamo chi giocherà, se ci saranno Candreva e De Sciglio oppure no, hanno diverse opzioni. Candreva mi piace molto, è molto completo, sa giocare in tante posizioni, sta facendo molto bene all’Inter”.

ITALIA – “Non so se giocherà De Rossi o Verratti, entrambe saranno il punto di riferimento del gioco. De Rossi ha tanta esperienza in questo tipo di partite, si fa sempre notare in campo. A prescindere da chi giocherà, il loro centrocampo gioca con pochissimi tocchi, provano a fare la transizione dalla difesa all’attacco molto rapidamente. Pellè è un giocatore che è esploso di recente, ma all’Europeo ci ha dato il mal di testa. Con Eder si intende alla perfezione, è una coppia che ci darà problemi”.

eva

3-5-2 DI VENTURA – “E’ molto difficile giocare contro questo schema. Soprattutto quando, come è successo con Conte, c’è molto lavoro dietro. Anche il nuovo ct lo ha usato per molti anni a Torino. E’ difficile perchè realizzano superiorità a centrocampo. Ma ha anche i suoi svantaggi e cercheremo di sfruttarli. Lo Stadium Sarà pieno e sosterrà la Nazionale. Sarà bello. Non soffriamo di panico o di paura. Dobbiamo usare personalità e il nostro gioco. Questo tipo di partite sono belle da giocare in qualsiasi scenario, ma giocarle lì è un privilegio”.

Oscar Toson

 

ULTIME NOTIZIE