Sportitalia: "Incontro tra Marotta e Carnevali a Milano"

Sportitalia: “Incontro tra Marotta e Carnevali a Milano”


ORE 23.00, L’IPOTESI – Un incontro che sa di accelerata, quello di stasera tra Marotta e Carnevali. Potrebbe trattarsi di un semplice colloquio per consolidare gli accordi presi, ma la tempistica è sospetta: l’interesse del Wolfsburg per Zaza s’è fatto concreto e questa cena potrebbe essere un segnale.

Sì, perché l’offerta dei tedeschi soddisfa la Juve, che ha lasciato la decisione al calciatore – scontento dello scarso minutaggio, secondo quanto detto dall’agente. Se Zaza si convincesse, quindi, potrebbe davvero partire. E i bianconeri sarebbero pronti a reinvestire il tesoretto derivante, intorno ai trenta milioni.

Berardi sarebbe un’ottima soluzione: il ragazzo doveva essere il sostituto di Morata, almeno a livello numerico, ma ha scelto di restare a Sassuolo. La partenza di Zaza rischia di cambiare le carte in tavola e, chissà, i pensieri dell’attaccante neroverde.

ORE 22.30, L’INCONTRO – Milano, via Montenapoleone: in un ristorante della zona, secondo quanto raccolto da Sportitalia, hanno cenato gli ad di Juve e Sassuolo, Marotta e Carnevali. Sul tavolo – è proprio il caso di dirlo – ci sarebbe stato, tra le altre cose, il futuro di Domenico Berardi: dopo il rifiuto di qualche settimana fa, quest’incontro potrebbe essere servito a rinnovare la prelazione per la prossima stagione, già confermata a parole da Squinzi.

carnevali-marotta-milano

Una foto dell’incontro (fonte: Sportitalia)

Carnevali è uscito dal ristorante verso le dieci, senza rilasciare dichiarazioni, mentre Marotta ha abbandonato il locale dopo una mezz’oretta e, intervistato, ha preferito non rispondere alle domande. È probabile che i due abbiano parlato anche degli altri affari che legano le due società, molto amiche sul mercato, ma senza dubbio Berardi è stato il vero piatto forte.

Il calabrese ha deciso ancora di rimanere a Sassuolo, anche se l’anno prossimo sembra sia destinato a vestire biancoero: potrebbe essere l’ultima occasione, dopo due rifiuti in due anni. Mancanza di certezze, voglia di crescere in neroverde e di portare in alto il Sassuolo: tanti i motivi che hanno portato a questa decisione, ma la Juve potrebbe non accettare più tentennamenti. E chissà che l’incontro di stasera non apra le porte a nuovi scenari.

 

ULTIME NOTIZIE