Un tema in bianco e nero: Grazie a Dio è venerdì

Siamo reduci dalla settimana più noiosa della storia del calcio italiano degli ultimi anni. Latrati sguaiati, isterie televisive (ma ormai lo sappiamo si fa il gioco dell’audience e, chissà, la comparsata viene retribuita meglio) e arrampicate sugli specchi stile spiderman. In realtà la notizia è una: è crollato anche il Napoli: sfiancato nei nervi, prima che nelle prestazioni, dalla rimonta prepotente di nostra signora degli scudetti. Che, toccando ferro, si prepara a fare un’impresa mai vista: dal 12° posto alla vetta della classifica (con distacco) nel giro di cinque mesi.
LA FANTASIA –  Ma poiché non ho intenzione di sprecare alcun byte per obiettare a complottisti e frustrati di mezza Italia, cerchiamo di trovarci qualcosa di divertente: la creatività e la fantasia sono sempre doti da apprezzare. Forse l’allenatore del Napoli Sarri in questo non ha uguali. Fra le varie ragioni addotte per giustificare l’inarrestabile perdita di terreno nei confronti della Juventus, il tecnico toscano ha sciorinato una decina di motivazioni irresistibili. Cito in ordine sparso: la differenza di fatturato (fra Napoli e Juve o fra Napoli e Villareal?), gli arbitri li proteggono (beh, mi scusi ma questa è banale), Bonucci non lo squalificano però (domenica anziché giocare con l’Empoli era a casa a vedere i cartoni), alle 12,30 soffriamo sempre (gli avversari no?), alle 18 c’è la penombra (questa è da oscar, chapeau!), giochiamo troppo spesso dopo la Juve, giochiamo sempre prima della Roma (eh?), i nostri convocati in nazionale erano alla prima gara, gli altri all’ottantesima (mi spiace ma questa non l’ho capita, rivolgetevi a lui).
LO STILE JUVE –  Per fortuna domani si torna a giocare, in una sfida classica che spesso valeva lo scudetto, mentre oggi ciò riguarda solo la Juve. Ma non c’è da fidarsi del Milan, né si può abbassare la guardia fino al traguardo. Non lo faranno, la qualità degli uomini che compongono questa rosa è impressionante. Ad esempio Gigi Buffon, un grande dentro e fuori al campo, in conferenza stampa parla perché ha delle idee da spiegare e non solo perché ci deve andare. E anche oggi ha parlato chiarissimo “quando parti con 12-13 punti di handicap e poi ti ritrovi a +6 a sette giornate dalla fine è difficile aggrapparsi a qualche cosa”. Il resto sono chiacchiere appunto. E per rinfrescare la memoria a quelli che ce l’hanno corta, non richiama il rigore generoso che gli ha interrotto il record personale ma la gara contro il Sassuolo quando alla Juve rimasta in 10 non è stato fischiato un rigore sacrosanto su Sturaro “Eppure dopo la sconfitta chi ha parlato alla stampa ha mirato ad un altro tipo di responsabilità e colpe: è la vera differenza”. Capitano. Mio capitano.
Salvatore Arpaia

Siamo su Google News: tutte le news sulla Juventus CLICCA QUI

Preferenze privacy