Conte dopo Germania-Italia:”Era solo un test, ma dobbiamo lavorare tanto”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

C’è ben poco da aggiungere davanti ad un risultato così rotondo. Ci si aspettava un’amichevole più positiva a pochi mesi da Euro2016, almeno ai livelli di Italia-Spagna. E invece, gli azzurri devono affrontare un perentorio 4-1 contro i Campioni del Mondo in carica. Attenzione, però: queste partite servono proprio a comprendere meglio la situazione.

Prova a tirare le somme, intervistato dai microfoni Rai, il commissario tecnico Antonio Conte:”L’avevo detto che servivano questi test per fare della valutazioni e tastarci. Abbiamo incontrati i migliori, Spagna compresa. Dei top club. I ragazzi hanno dato tutto, ma ripeto, non c’era da fare trionfalismi con gli iberici. Dobbiamo colmare dei gap, aspettiamo pazienti“.

Per giocare a ritmo e intensità – prosegue il tecnico leccese incalzato dalle domande del giornalista Luca De Capitani – bisogna star bene anche di gambe, molti forse hanno pagato lo sforzo fisico di Venerdì. Lavoriamo e vediamo più avanti“.

Rimangono – conclude l’ex Juve – dei giocatori che faranno sicuramente parte degli Europei, ma vedermo a fine campionato. Jorginho? Il fatto che si sia fatto male Bonucci ha alterato la situazione, per questo non è entrato“.