Il ruolo del calcio nella società secondo il presidente Agnelli: “Non è solo un gioco”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Al giorno d’oggi, il calcio ha una grande influenza nella nostra vita quotidiana. Passare un giorno senza parlare di calcio è praticamente impossibile anche perchè negli ultimi anni, lo sport più praticato al mondo, è entrato anche nel sociale. La Juventus, così come tanti altri club, è una delle società più attive per quanto riguarda la responsabilità sociale. A tal proposito, Andrea Agnelli è stato intervistato dai microfoni della UEFA per parlare del potere del calcio:

Il calcio non è assolutamente solo un gioco. Oggi è diventata un’industria con il potere di influenzare sia positivamente che negativamente. Tutto dipende da chi ricopre i ruoli principali nel calcio, che si tratti di istituzioni, squadre o giocatori. Tutti devono assumersi le proprie responsabilità, ovvero prendere i valori del calcio e indirizzarli nella direzione più giusta”.

Il presidente bianconero, inoltre, è molto contento che i propri giocatori siano coinvolti in iniziative del genere come Paul Pogba il quale ha sostenuto la partnership tra la UEFA e il Comitato Internazionale Croce Rossa per assistere le vittime delle mine terrestri in Afghanistan: “Il fatto che sia stata scelta la Juventus ed un suo giocatore, è un onore e un grande piacere. Abbiamo un dialogo continuo e costante con la UEFA e questo è un ulteriore apprezzamento delle nostre azioni. Ne siamo molto contenti”.

Ed ancora sul centrocampista francese: “Pogba è un ragazzo per bene. Conosciamo tutti la sua storia, è uscito da un contesto sociale non semplicissimo. Ha perseguito il suo sogno, quello di diventare calciatore. E ci è riuscito egregiamente. Ci sono alcuni aspetti che possono essere ancora limiti, è pur sempre un giovane. Spero possa essere sempre più da esempio per queste iniziative sociali”.

Michele Ranieri