Tredici anni senza l’Avvocato, dal gol di Del Piero e quella sedia vuota

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sono ormai tredici anni da quel 24 gennaio 2003, dal giorno in cui si spense Giovanni Agnelli, per tutti l’Avvocato, omaggiato in campo due giorni dopo dalla Juventus, nell’allora casa del Delle Alpi.

Era un Juventus – Piacenza, i bianconeri nutrivano ambizioni di scudetto, che poi avrebbero vinto, e Del Piero al decimo minuto con un esterno volante, un colpo singolare e particolarissimo, una perla. Lui alza il braccio al cielo, si fa il segno della Croce e indica verso quel seggiolino vuoto, fila sette, numero trentadue, sul quale è stata lasciata una maglietta juventina in suo onore.

Questa è l’immagine più nitida di quel giorno, un saluto da un simbolo di una squadra verso l’icona. Per entrambi l’eleganza era il carattere distintivo, Agnelli aveva il dono di saper comunicare, di lasciare frasi che si stampavano in testa, come gli elogi a Platini, oppure lo stesso soprannome di Del Piero, Pinturicchio.

Chissà come oggi avrebbe chiamato Pogba, preso a zero Euro e trasformato in una miniera d’oro; oppure Dybala, col visino da bambino, ma tanta qualità e voglia di crescere…

 

Roberto Moretti

 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook