Un tema in bianco e nero: un anno di incubi

Un tema in bianco e nero: un anno di incubi


Chi vince è sempre antipatico. Lo sappiamo tutti, ce lo siamo detti da soli: è normale tifare per la squadra sfavorita (l’underdog anglosassone, bellissima definizione) se non gioca la tua squadra. Però l’impressione quando si parla di Juventus è che tanti tifosi di calcio siano totalmente ossessionati e depressi dalle continue sconfitte subite che hanno nella Juventus un vero incubo sportivo. Un giro rapido sui social mi ha fatto scoprire che non sono pochi i tifosi (direi che il primato se lo contendono interisti, torinisti, napoletani, fiorentini e romanisti) che postano più sulla Juventus che sulla propria squadra. Per ognuna delle ultime sette vittorie una imprecazione, nonostante un vantaggio in classifica apparentemente rassicurante. Ma forse non nell’animo. Vogliamo parlare dei gruppi su face book? Cito in ordine sparso: fiero di essere antijuventino (2559 intelligentissimi membri), l’antijuventino, antijuventino medio, antijuventino DOC, nessuno più antijuventino di me e via di questo passo con antijuventini che premettono come sostantivo gufi, covo, casa, gruppo, ecc. Alcuni meritano però una citazione speciale per la grammatica (Noi siamo antijuventino) o per la creatività (il gruppo “antijuventino” ha anche un gioco: che tipo di antijuventino sei? Io  una risposta ce l’avrei…). Infine qualcuno ci tenta: sexy tifosa interista antijuventina (no, non ti apro la pagina). Vi risparmio poi la lista degli utenti che fra nome e cognome usano l’intermedio antijuventino. Una caratteristica che accomuna tutti questi siti (e qui di creatività neanche l’ombra) è quella di spegnersi per lunghi tratti. Nella scorsa stagione alla foto dei carri armati provenienti da Dortmund sono seguite settimane di silenzio, prima di pubblicare fotomontaggi con Ronaldo, Bale e Benzema in versione culturisti. Poi rapidamente spompati da Morata e Tevez.

JUVE DA PAURA – Se vi interessano le performance di questo campionato, ebbene tutti questi siti sono stati attivissimi a fine estate-autunno, prima di ridurre drasticamente la frequenza dei post negli ultimi mesi (sarà perché abbiamo recuperato 6 punti sull’Inter, 7 su Fiorentina e Napoli, 9 sul Milan, addirittura 12 sulla Roma del suonatore di violino, e citiamo anche il Torino per non fare troppo gli snob: sono 14 i punti recuperati). Nell’imminenza delle feste però i nostri amici antijuventini hanno ritrovato qualche argomento da volo pindarico. Michel Platini (andato via dalla Juventus e dal calcio  giocato nel 1987, anno in cui molti di questi acuti blogger non erano neanche nati) si è fatto pagare (circa 25 anni dopo) una consulenza milionaria dalla FIFA. Conclusione: la Juventus ruba e ha rovinato il calcio. Non ci posso credere! Riesco solo ad augurarvi un altro anno da incubi.

Salvatore Arpaia