Sesto scudetto, storia e futuro: la chiave è un trasformismo vincente