Higuain: “Negli USA c’è meno pressione. In Europa troppe critiche”

Higuain
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gonzalo Higuain ha rilasciato una lunga intervista ai microfoni del giornale La Nacion.

“I soldi ti aiutano, ma non fanno la felicità.”

Sulla sua avventura all’Inter Miami:

“Gioco per vincere. Ho vinto in tutti i club in cui ho giocato, non sono venuto qui per fare una passeggiata. Non me lo perdonerei mai. Voglio continuare a essere campione in tutte le società della mia carriera.”

Il calcio negli USA:

“Qui il calcio non è una priorità, ci sono altri sport che sopportano quelle pressioni. Le persone per strada non ti giudicano perchè hai sbagliato o segnato un gol, non ti giudicano se ti buttano fuori o no. Lo stesso accade con la stampa. Qui vivo con calma, mi sento una persona normale. Sono felice della decisione che ho preso.”

Le critiche in Europa:

“In Europa devi mandare giù critiche da parte della stampa e dei tifosi. I media, i tifosi, ti giudicano se sei magro, grasso o calvo, mi sono fatto crescere la barba lunga ed è diventata una notizia, ti rasi e sei una notizia. Prima facevano male le critiche, adesso non più. Da quando è arrivata mia figlia, ho cambiato percezione e sensibilità.”

Messi e Ronaldo:

“Sono stato quello che li ha capiti di più. Se sono stato io a giocare di più con loro è perchè li ho capiti entrambi perfettamente. Sapevo cosa gli piaceva e cosa non gli piaceva, come si sentivano più a loro agio, come si sentivano più a disagio. Potevano contare su di me.”