La doppia faccia bianconera: tante occasioni e quella lucidità da affinare