Giorgio Chiellini, il muro bianconero al servizio di Allegri