Allegri è il primo nome sulla lista di un grandissimo club

massimiliano allegri juventus 2018 allenamento vinovo spazioj
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’adrenalina la sta conservando tutta, e un po’ la dispensa per i campi di Vinovo come fanno i contadini per augurarsi una buona semina. Con calma, con quella dei forti, si fa tutto: e si pianifica anche il futuro. Quale sarà quello di Massimiliano Allegri? Partiamo con le robe semplici: sarà in panchina. Il vero problema è scoprire – per noi e per lui – è scoprire dove. Che le proposte son davvero tante.

BUSTA NUMERO UNO

Nella busta numero uno: la proposta di matrimonio – cioè di rinnovo – della Juventus. Prima per importanza, non per probabilità che accada. Scritto questo: perché Allegri non dovrebbe restare al timone di questa squadra? No, non c’entrano i discorsi sui cicli: c’entra la voglia di vincere, di continuare a farlo, e di prendersi un po’ di stimoli altrove. E magari proprio all’estero. In ogni caso, la società bianconera aspetterà la decisione del tecnico: c’è talmente sintonia tra le parti che basterà uno sguardo. Se dallo sguardo si passerà al sorriso, vorrà dire che sarà ancora tempo di stare Allegri.

BUSTA NUMERO DUE

Questa qui è pesante quanto quella che ti regalano i parenti ai tuoi 18 anni: non solo perché è piena di soldi, ma perché è piena di vita. Di tutto quello che puoi fare, di tutto il tempo che puoi avere. Ed è una busta in arrivo direttamente da Parigi: la notizia – senza girarci attorno – è che Max è il primo nome sulla lista del Paris Saint Germain: più di Conte, più di Ancelotti – destinato all’Arsenal – e clamorosamente più di Tuchel.

L’offerta è di quelle ciccione: 13 milioni a stagione, contratto di due anni e speranza concreta di vincere la Champions League. O almeno di dare una dignità alla tratta europea del PSG. Curiosità: pare che Thiago Silva abbia già iniziato l’opera di convincimento…

BUSTE NUMERO TRE

Il plurale non è a caso: perché le opzioni sono due. Intriganti, distanti per mille motivi, ma possibili quando starà per suonare la sirena. Numero uno: Nazionale italiana. Numero due: Real Madrid.

Chiariamo subito: Allegri non allenerà una delle due, non ora quantomeno. Ma le proposte (o meglio: gli ammiccamenti) non sono mancati. Costacurta gli ha fatto sapere di essere gradito per il nuovo corso azzurro, l’allenatore ha gentilmente declinato: si sente – ancora – allenatore da club. Da top club. Così com’è il Real Madrid: un sogno, per Allegri. Che in Spagna andrebbe volentieri, ma che deve fare i conti con Zidane in primis, quindi la voglia della Casa Blanca di puntare nuovamente su un tecnico spagnolo.

Ecco: quale busta apri, Max? In bocca al lupo in ogni caso.

CriCo