Cara Juve, le ultime novità su Emre Can non ti piaceranno…

emre can spazioj 2018 liverpool juventus
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La telenovela è arrivata nel punto esatto in cui il maggiordomo si trasforma in perfetto omicida. E tu, proprio in quell’istante, vai a ricordarti di tutti i minimi dettagli che dopo assumono tutt’altra rilevanza. “Lo sapevo, io”, ecco, tipo una carrellata di queste frasi qui. Protagonista? Emre Can e la sua particolarissima avventura alla Juve. Ancora non iniziata, forse mai in grado di decollare davvero.

LA SITUAZIONE

La Juve un po’ si sta preoccupando. Il giusto, sia chiaro: perché Can non cambia la vita del Liverpool, figurarsi quella dei bianconeri. Il contratto però è stato spedito con un francobollo di piena fiducia, soprattutto dopo l’ultimo colloquio tra Marotta e l’entourage del giocatore: c’erano i sì, non ancora le firme. Storie di fine gennaio e inizio febbraio, storie che però non sono ancora cambiate.

Benché il procuratore del tedesco abbia sempre dato picchi di certezze, la vicenda non ha mai assunto i connotati giusti: ossia quelli che certamente porterebbero il centrocampista in bianconero. Motivi? Il Liverpool, in primis: che spinge, e forte, per il rinnovo. Klopp non si è mica arreso. Così come il Bayern Monaco e il Manchester United. Attenzione pure al City di Guardiola: a zero un giocatore così fa gola a tutte. Soprattutto a chi gli può garantire il mondo intero.

 

CHI BUSSA IN PREMIER?

No, l’Arsenal pare non sia contemplata: l’addio di Can sarà tale a patto che approdi in una squadra che gli dia concreta possibilità di vincere la Champions. Stesso pensiero di Hector Bellerin, se ci si pensa: con i Gunners la storia può concludersi a stretto giro. Indovina chi c’è? Fabio Paratici, immenso estimatore del terzino biancorosso. Con gli addii certi di Lichtsteiner e Asamoah, con la concreta possibilità di vedere andar via Alex Sandro, il nome altisonante su cui si sta ripiegando è proprio quello dello spagnolo. Eh, mica male. Ma va preso in fretta e furia. Senza badare al portafogli.