Una dirigente al 'Corriere': "Tavecchio mi ha molestato e ho le prove"

Una dirigente al ‘Corriere’: “Tavecchio mi ha molestato e ho le prove”


“Tavecchio mi ha molestata”: è questa l’incredibile denuncia di una dirigente sportiva al ‘Corriere della Sera’. La donna ha parlato di un episodio della quale è stata protagonista, ma, dice, ce ne sono stati anche altri.

LE ACCUSE

Ecco quanto ha raccontato:

«Ero entrata nel suo ufficio per parlare di calcio, di lavoro. Lui mi ha fatto entrare, mi ha fatta sedere alla sua scrivania, nella sede della Figc, a Roma. Non ho fatto nemmeno in tempo a dire “Presidente, come sta?” che lui, guardandomi dritta negli occhi, mi ha risposto: “Ti trovo in forma, si vede che scopi tanto”. E poi: “Fammi toccare le tette, vieni, dai”. Ero in imbarazzo. Ho provato a dirgli di smettere. Lui per tutta risposta ha chiuso le tende dello studio, per non correre il rischio di essere visto. L’ho respinto, sono riuscita a divincolarmi. Ed è solo un episodio. Gliene potrei raccontare molti altri. Le molestie che sono stata costretta a subire da Carlo Tavecchio sono accadute in tempi recenti».

La dirigente ha voluto l’anonimato, per paura di ritorsioni. La decisione è maturata proprio in queste ore: «Quando ho saputo che l’intenzione di Tavecchio sarebbe quella di riciclarsi in un’altra posizione, magari con i Dilettanti, non ho più avuto dubbi che fosse arrivato il momento di parlare».

Ma pare che la vicenda è destinata a svilupparsi. La donna, infatti, ha rivelato di avere delle prove:

«Molte ragazze in passato hanno provato a denunciare, a raccontare. Ma senza prove non vengono credute. Io invece quelle prove ce le ho, audio e video, e ieri le ho consegnate al mio avvocato, dandogli il mandato di presentare denuncia alla Procura della Repubblica».