Marotta chiude il mercato: "Difficile un'operazione ora. Spinazzola? Caso umano. Asa? Non possiamo sostituirlo"

Marotta chiude il mercato: “Difficile un’operazione ora. Spinazzola? Caso umano. Asa? Non possiamo sostituirlo”


Beppe Marotta ha da poco parlato ai microfoni di Sky Sport sulla situazione del calciomercato della Juventus. L’ad ha, di fatto, chiuso il mercato bianconero con le sue dichiarazioni.

TUTTO CHIUSO

Ecco le dichiarazioni di Marotta: “Siamo contenti, non prevedo altre operazioni eclatanti nelle ultime 24 ore”. Il dirigente bianconero ha poi affrontato l’argomento Spinazzola, ritenuto un vero e proprio caso umano: “Spinazzola lo considero un caso umano, è un amante del gioco del pallone e della squadra che l’ha fatto crescere, perché è cresciuto con le nostre giovanili – ha continuato Marotta – Noi abbiamo tenuto fede all’impegno preso con l’Atalanta, crediamo in Spinazzola e al termine della stagione potrà tornare alla Juventus. Non abbiamo tanto accettato le esternazioni di Gomez, perché ha sfiduciato un proprio compagno di squadra. Il capitano deve avere delle qualità maggiori”. Non solo arrivi, però. Sul tavolo c’è anche la questione Asamoah: “Qualora un giocatore volesse essere trasferito noi siamo pronti ad accontentarlo. La richiesta del Galatasaray è stata però tardiva e non abbiamo la possibilità di sostituirlo. Quando il mercato sarà chiuso, siamo sicuri che si rimetterà nei ranghi e tornerà a disposizione”. Ultimo argomento trattato da Marotta è stato il caso Keita. Un caso che ha tenuto banco per tutta l’estate: “Fa parte delle opportunità, le esigenze erano quelle di colmare eventuali vuoti. Keità era un’opportunità perché la Lazio l’ha messo sul mercato, era in scadenza e voleva venire alla Juventus. La Lazio ha adottato le sue strategie e con un pizzico di fortuna Lotito è riuscito a trasferirlo ad una cifra consistente”.

Simone Calabrese