Milan, ora il numero 19 è un caso