Io mi dico: è stato meglio lasciarci che non esserci mai incontrati

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Adesso non c’è più alcuno spazio per le interpretazioni. Ciò che è stato reso ufficioso da un post su Instagram ora diviene ufficiale. Adesso è il momento di mettere nero su bianco, contrasto così ricorrente in questo campo semantico di colori. Dani Alves non è più un giocatore della Juventus, ma questo ormai non fa più notizia. Una firma, poi ognuno per la propria strada. Ci si ringrazierà per l’anno trascorso insieme, per i successi ottenuti, per quelli sfiorati, per la maglia sudata ed onorata. Il rancore resti pure lontano, non è questo il momento di far nuove “conoscenze” in casa Juve. Perché le ultime due settimane non possono – e non devono – mettere in cattiva luce Dani Alves.

Annata da luci è ombre, questo è vero. L’inizio – usando un eufemismo – non è di certo esaltante, anzi, tutt’altro. Adattarsi al calcio italiano – così tattico e schematico – non è mai semplice, figuriamoci per un fuorilegge come il brasiliano. I primi mesi ruotano attorno ad un unico interrogativo: “Ne è valsa la pena investire su un trentaquattrenne già sazio di trofei?”. La risposta più esauriente arriverà qualche mese dopo, perché infondo è vero: solo chi tocca il fondo può riemergere. E quel baratro arriva a Genoa in un meriggio pallido di fine novembre. La Juve perde pesantemente, Dani Alves sfoggia una prestazione indegna alla sua storia e al suo palmares. Come se non bastasse, esce in barella: rottura del perone.

Dani però vince ancora una volta. Contro i pregiudizi sì, ma anche – soprattutto – dentro il campo. Allegri lo pone in una posizione privilegiata nel 4-2-3-1. Lo rende libero di fare il “cazzone“, di dialogare con Dybala, di dar libero sfogo al proprio estro. La scelta del mister porta lontano i ragazzi, addirittura in Galles. Impossibile negare l’importanza del 23 bianconero nella cavalcata verso Cardiff: neanche l’odio (che qualcuno – giusto o no – adesso prova) potrebbe offuscare tale vista. Adesso tutto ciò tende a passare in secondo piano. Si considera oggi Dani Alves solamente un traditore, un mercenario. Forse perché il brasiliano è senza filtri, non è nessuno né centomila, ma soltanto uno. Non si nasconde mai dietro uno schermo o un profilo social, ma anzi amplifica la sua personalità.

Forse sì, qualche uscita infelice poteva anche evitarla, una su tutte la foto commemorativa degli scarpini del sei giugno 2015. Lui però è fatto così. Probabilmente – anzi sicuramente – l’intenzione non era quella di mancare di rispetto verso i propri ex compagni e tifosi. Forse voleva soltanto ricordare una (tra le tante) serata trionfale, sfogliare il libro dei ricordi, senza aver paura di leggere (e condividere) una simile pagina.

Adesso è davvero finita. La Juventus cercherà un nuovo terzino, Dani raggiungerà un vecchio amico a Manchester. Dire che niente sarà più come prima sarebbe solo retorica. Di ottimi giocatori dalle parti di Torino ne sono passati, e non sono pochi. I matrimoni nel calcio si consumano molto più in fretta che nella vita, dove l’amore – si pensa e si presume – venga  infranto soltanto dal battito spezzato. Quello tra il brasiliano e la Juventus era già giunto al capolinea: meglio allora separarsi subito e lasciare che la storia faccia il suo corso. Da domani per tutti inizierà una nuova avventura. Magari poi il destino si divertirà a porre Dani Alves al cospetto della Signora. Beh, in quel caso rivali sì, ma nemici mai.  È stato breve ma intenso: obrigado Dani!

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook