Di Campli: "Verratti? La Juve ha più appeal del PSG. Orsolini può restare a Torino"

Di Campli: “Verratti? La Juve ha più appeal del PSG. Orsolini può restare a Torino”


In una lunga intervista concessa a TuttoSport, Donato Di Campli, agente FIFA, chiarisce il futuro dei propri assistiti. Ormai da tempo i suoi ragazzi sono sotto la costante supervisione della Juventus. Il primo è Marco Verratti, giocatore del PSG e ormai da qualche anno sogno di mezza estate dei bianconeri. Il secondo è Riccardo Orsolini, centrocampista classe ’97 acquistato da Madama dall’Ascoli, messosi in mostra durante il mondiale Under 20.

DI CAMPLI SU VERRATTI…

“Verratti? Il PSG vuole trattenerlo a qualsiasi condizione. Ormai è chiaro: i soldi non bastano, nel calcio ci vuole soprattutto appeal e nell’ultimo lustro i bianconeri hanno dimostrato di averne in più rispetto ai francesi. I giocatori sono attratti dalle squadre che portano a casa i trofei: ecco perché la Juve attira molto di più.

…E SU ORSOLINI

Orsolini ha un talento enorme. Credo che andrà con la Juventus in ritiro pre campionato e proverà a farsi notare da Allegri. La Juventus potrebbe tenerlo fino a gennaio: la società è tra le poche a concedere spazio ai giovani talenti.  Paratici mi ha detto che sul ragazzo ci sono tantissime squadre, ma in vista del recupero di Pjaca potrebbe anche restare a Torino. Decideremo cosa sarà meglio per lui: per me lui è già pronto al salto di qualità. E’ un ragazzo con la testa a posto, è molto concentrato sulla sua vita calcistica, sa che ha i riflettori puntati addosso, ma non gli pesa. La Juve si è assicurata un piccolo pezzo di futuro: e pensare che qualcuno ha pure criticato l’operazione per i suoi costi! Si è parlato tanto di Bentancur, ma al Mondiale i giocatori che si sono messi in mostra sono stati soprattutto Orsolini e Favilli. Andrea era scappato dalla porta principale, sono stati abili a farlo rientrare. Stiamo discutendo con Ascoli e Juventus il migliore percorso. Dispiace in Italia non esistano le seconde squadre come all’estero. Questo dimostra come il calcio italiano sia ancora arretrato“.

 

Loading...