Spalletti la spara grossa: “Strootman e Paredes più forti di Pjanic”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Domani alle 18 è previsto l’esordio in campionato della Roma di Spalletti. All’Olimpico contro l’Udinese. Molti i temi trattatati dal tecnico toscano nella conferenza stampa della vigilia. Gli indisponibili, il turnover, lo stadio, la sfida europea contro il Porto, il nuovo arrivato Bruno Peres. E ovviamente non potevano mancare la Juventus e l’ex Miralem Pjanic.

Alla domanda se servisse qualcosa al centrocampo della Roma, ha risposto così Luciano Spalletti: “Noi abbiamo Strootman al posto di Pjanic, ed è più forte di Pjanic, abbiamo Paredes ed è più forte di Pjanic. Il riferimento è a questi due e noi siamo apposto“.

PjanicGiustissimo tirare l’acqua al proprio mulino. Paragonare però forse il più forte centrocampista in Italia, con un buonissimo giocatore infortunato da 2 anni e con un altro dalle ottime potenzialità, ma ancora molto giovane e acerbo, non sembra un’ottima idea. Certo a Trigoria avranno storto il naso alle prime dichiarazione di Pjanic: “Ora che sono in questa squadra ho capito perché, da avversario, fosse tanto difficile starle davanti“. Nessuno può tuttavia mettere in dubbio il valore del giocatore. A Roma lo conoscono bene. Compresi i tifosi. Alla fine della stagione saranno tirate le somme, ma allo stato attuale tra Pjanic, Strootman e Paredes non può esistere nessuna competizione.

Spalletti si sofferma anche sulla lotta per lo scudetto e sulla Juventus: “Noi siamo forti, e da subito dobbiamo essere anche grandi. Juve irraggiungibile? Noi le vogliamo vincere tutte le partite, vogliamo montare sopra tutto ciò che passa, ma poi bisogna confrontarsi con le altre squadre. Anche con chi è arrivato dietro di noi nella passata stagione“.

L’allenatore giallorosso pare molto carico. Non ha paura delle rivali e vuole riportare il tricolore nella capitale. Rudi Garcia partì anche l’anno scorso in pompa magna, per poi arenarsi alle prime difficoltà. Chissà se in casa Roma avranno imparato dai propri errori.

Mattia Castellano