Sturaro, un anno di Juve. 365 giorni fa l'esordio

Sturaro, un anno di Juve. 365 giorni fa l’esordio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Arrivato in sordina, Stefano Sturaro è diventato, giorno dopo giorno, un elemento importante per la Juventus di Max Allegri. Sturaro, infatti, pur non essendo titolare nell’11 tipo bianconero, riesce a farsi trovare sempre pronto quando chiamato in causa, circostanza che in questa stagione e mezza si è verificata parecchie volte.

UN ANNO FA L’ESORDIO – Il 14 marzo 2015 Sturaro ha disputata la sua prima partita con la maglia della Juventus, da titolare nella vittoriosa trasferta dei bianconeri a Palermo per 1-0 con rete di Alvaro Morata. In tutto, con i bianconeri, ha disputato 38 partite, di cui 27 in campionato, condite da 3 gol.sturaro-juventus-agosto-2015-ifa

PRESTAZIONI IMPORTANTI – Nessuno si aspettava le doti e le qualità del giovane centrocampista classe ’93 che riesce a compensare la mancanza di tecnica con una grinta e un carattere fuori dal comune. Emblema di ciò, la partita disputata allo Juventus Stadium contro il Real Madrid nella semifinale d’andata della Champions League dello scorso anno. Schierato a sorpresa, la partita di Sturaro fu fantastica, e i tifosi lo omaggiarono con una standing ovation al momento della sua uscita dal campo. È suo, inoltre, il gol che mantiene vive le speranze della Juventus per un passaggio del turno in Champions League che avrebbe dell’incredibile, siglato allo Stadium contro il Bayern.
A gennaio sono già arrivato le prime sirene dall’estero, in Inghilterra su tutti. I dirigenti bianconeri, però, vogliono che Sturaro rimanga alla Juve, così come tutti i tifosi della Juventus.

Luigi Fontana (@luigifontana24)

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy