Il rilancio passa dalle Squadre B: assurdo non averle! L'interesse di pochi penalizza la maggioranza

Il rilancio passa dalle Squadre B: assurdo non averle! L’interesse di pochi penalizza la maggioranza


E’ evidente che lo sviluppo del progetto legato alla nascita delle seconde squadre in Italia sia una delle chiavi per riavviare il motore ingolfato del nostro calcio è inconfutabile. E i dati sui trionfi Mondiali di Spagna e Germania lo certificano ulteriormente. Il paradosso impossibile però nel nostro paese si concretizza in realtà: la convenienza di pochi penalizza l’interesse di tutti.

LA MAGGIORANZA SUPERATA DALLA MINORANZA – Una necessità nota fin dal 2012. Perché, allora, quei 13 club che si erano espressi a favore delle seconde squadre non si battono per introdurle? Viene il sospetto che il traccheggio nella quotidianità sia più conveniente degli investimenti sul futuro. E non è un bel sospetto. Come riporta l’edizione odierna di Tuttosport, non tutti ricordano che il 13 settembre 2012 si svolse un interessante incontro in Lega Calcio tra i club della Serie A. Convocati per discutere uno studio fatto dalla stessa Lega per analizzare “lo stato dell’arte” del nostro calcio alla luce del fatto che tutti i parametri (dal Financial Fair Play alla crisi economica, dalle regole Uefa alla necessita di ringiovanire le rose) spingevano verso la valorizzazione dei settori giovanili. Già allora, vale la pena sottolinearlo, il campionato italiano era il più vecchio d’Europa e l’intero movimento non aveva (così come non ha) un progetto per valorizzare il sistema giovanile. Dopo la relazione sullo studio della Lega, fu chiesto di scegliere un modello di riferimento cui ispirarsi. Ebbene, ben 13 squadre suggerirono di istituire le seconde squadre.

COME SPAGNA E GERMANIA! – Insomma, la stragrande maggioranza dei club aveva scelto la strada vincente: quella che portava alle squadre B (le “seconde squadre”), la maggioranza aveva avuto ragione nell’individuare la strada vincente. Anche perché i dati sui campionati europei più vicini ai nostri parlano chiaro: è la scelta vincente sia economicamente sia tecnicamente.

barcellona_BIl caso più evidente era quello rappresentato dalla Spagna dove esistono le squadre B. Fino a poco tempo fa potevano perfino partecipare alla Coppa del Re (nel 1980 vinta dal Real Madrid Castilla, la formazione B dei Blancos) mentre ora devono militare almeno in una categoria inferiore rispetto alla prima squadra e senza possibilità di promozione (due anni fa il Barcellona B rinunciò ai playoff di Segunda Divison a favore del Cordoba poi promosso nella Liga!). Percorso virtuoso da prendere ad esempio anche quello della Germania: in questo caso l’unica differenza è data dal fatto che non possono giocare oltre la 3a Bundesliga (l’equivalente della nostra Lega Pro), ma la migrazione con la prima squadra gode della massima libertà anche al di fuori delle finestre di mercato (così come in Spagna). I risultati? Un’altra vittoria mondiale costruita nell’incubatrice delle seconde squadre.

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl