Il ritorno dell’Ariete: Mandzukic è diventato importante anche quando non fa gol

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Un ritorno col botto quello di Mario Mandzukic dopo l’infortunio. Il croato è stato meno di un mese fuori dai giochi a causa di una lesione del gemello mediale sinistro. La diagnosi era stata chiara: trenta giorni per recuperare. Ma mai dire mai quando si tratta di SuperMario. Mandzukic ha superato la tabella di marcia ed è rientrato per la gara contro il Bayern, giusto in tempo, guarda caso. Ed è stato il migliore in campo, quella sera allo Stadium. Non solo, anche la sua gara contro l’Inter è stata sorprendente, così in pochi giorni è tornato alla grande.

E poco importa se non segna sempre: Mario è diventato importante anche quando non fa gol. E questo grazie alla sua fisicità e al suo spirito. Da lottatore, puro. Lotta, fa a spallate, si porta via gli avversari e riesce a creare spazi per i suoi compagni. Un aiuto fondamentale per la squadra che lo ritiene, ormai, un punto di riferimento. E poi ha personalità, tanta. E di gol ne ha realizzati: nove in 24 presenze. Numeri importanti, che lo consacrano definitivamente un ottimo innesto.