La malinconica banalità della Coppa Italia