Berardi, il talento sartriano: condannato alla libertà di scegliere