Mandžukić, arma in più della Juventus che verrà