A testa alta. Fa male, ma è orgoglio azzurro