È lo Scudetto di Andrea Fortunato: ma 21 anni dopo, ecco perché quel 25 aprile è un’occasione sprecata