La due giorni Champions riapre le ferite, ma c'è una certezza: il bello deve ancora venire