Siviglia-Juve, l'analisi dell'attacco: le metamorfosi compiute e quelle (ancora) da compiere