Lavezzi, la Juventus e la lavagna tattica immaginaria