Alex Sandro, il finto flop