La "Juventus liquida" di Allegri, ultima frontiera del buon senso tattico