Cobolli Gigli a TMW RADIO: "Dybala? 15 milioni sono troppi. De Ligt può anche andare al Real"

Cobolli Gigli a TMW RADIO: “Dybala? 15 milioni sono troppi. De Ligt può anche andare al Real”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

L’ex dirigente della Juventus Giovanni Cobolli Gigli ha parlato ai microfoni di TMW RADIO, trattando vari argomenti tra cui la ripresa del campionato e la Juventus.

Sull’opzione del membro del CTS Vannicelli sulla possibile riduzione della quarantena a 96 ore:L’aumento della frequenza dei tamponi è una soluzione intelligente, serve che il campionato arrivi alla fine. Lo vogliamo tutti quanti.”

Sul rinnovo di Dybala:15 milioni mi sembra eccessivo. E’ giusto che guadagni di più, ma non così tanto. E’ un grande giocatore, ma non ancora un campionissimo.  E’ diverso da altri giocatori. Deve trovare continuità. Nel campionato in corso ha fatto vedere cose migliori rispetto al precedente, si è rinforzato anche fisicamente.”

Su De Ligt: ” Costa un sacco di soldi, magari lo si venda al Real, visto che abbiamo Demiral. Così si risparmiano diversi milioni di ingaggi. E’ una provocazione comunque. Il senso è che bisogna trovare il modo di alleggerire il monte ingaggi della Juve.”

Sul ruolo di Dybala con Ronaldo:Dybala è fondamentale per la Juve. Il giorno in cui Ronaldo se ne andrà, creerà una maggior omogeneità all’interno della Juve. Non ci sarà più la grandissima stella ma una squadra di campioni. Il gioco cambierà e sarà decisivo anche lui”.

Su Sarri:E’ arrivato e nei tifosi è aumentata la speranza di vincere la Champions. Se dovesse vincere campionato e Coppa Italia rimarrebbe. Se perdesse tutto, le cose sarebbero da rivedere. Non ho simpatia per la persona Sarri ma non discuto l’allenatore. Serve tenerlo il tempo necessario per fargli dare il meglio“.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy