Miralem Pjanic, il fosforo del centrocampo

Miralem Pjanic, il fosforo del centrocampo


Doveva farsi un regalo di compleanno speciale e di certo ci è riuscito. Miralem Pjanic ieri ha festeggiato il suo 29° anno di vita con una prestazione che era da tanto che non vedevamo, senza mai una sbavatura, con la testa alta pronto a servire i compagni in profondità. Sappiamo che la continuità di Mire non è il suo forte, forse è questa l’unica pecca di un giocatore a dir poco meraviglioso, elegante, maestoso.

QUALITA’ SOPRAFFINA

Trovare dei giocatori in Europa con la sua qualità in quel ruolo non è affatto semplice, forse si possono contare sulla punta delle dita: Modric, Thiago Alcantara, Verratti, Kroos, Pogba. Da almeno 3 anni Pjanic è nell’élite dei centrocampisti del nostro continenti e quando è in giornata, come ieri sera, sa divertirsi e sa divertire con giocate di un certo spessore. Il pubblico della “Sardegna Arena” è stato spettatore di una delle migliori partite, se non la migliore, della stagione dell’ex Roma: sempre propositivo, mai banale, lucido anche nelle situazioni di difficoltà come un paio di giocate in mezzo a due/tre giocatori per poi disfarsi del pallone con intelligenza. D’altro canto i numeri non mentono mai: 78 tocchi totali, 93,1% in termini di passaggi riusciti, 9 possessi guadagnati e 2 occasioni create.

E LA JUVENTUS NE BENEFICIA…

La trasferta di Cagliari non era affatto semplice da gestire per la Juventus, i numerosi indisponibili potevano creare una sorta di alibi per approcciare non al meglio la sfida della “Sardegna Arena”. Al contrario, i ragazzi di Massimiliano Allegri hanno iniziato benissimo il match grazie ad una pressione asfissiante sui portatori di palla avversari e poi, quando Pjanic è salito in cattedra, tutto è diventato ancor più semplice. Miralem viene esaltato da Emre Can e Matuidi ai suoi fianchi, ha molta più libertà di pensiero e posizionamento, non a caso, infatti, molte volte lo abbiamo visto al limite dell’area avversaria pronto per la conclusione o per provare a smistare l’assist giusto.

Il fosforo del centrocampo si sta attivando nel momento giusto, tra una settimana c’è l’Ajax e se Pjanic dovesse ripetere una partita come quella di ieri tutto potrebbe diventare più semplice.