Missione (quasi) compiuta

Missione (quasi) compiuta

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Una ventina scarsa di minuti, due gol da rimontare, un inedito terreno di gioco sintetico (e ghiacciato, vista la temperatura quasi estrema di Berna): questi erano gli ingredienti a disposizione di Paulo Dybala questa sera, che ha avuto il compito – poche volte così arduo – di mettere la sua firma d’autore anche su questo match, dopo la meravigliosa tripletta dell’andata.

L’argentino fa il suo ingresso in campo al minuto 72 (giusto? O forse troppo tardi?) per un De Sciglio a cui nulla di più si poteva chiedere. Il primo passo è trovare confidenza con il manto sostanzialmente diverso: i primi palloni vanno via sporchi e mal gestiti, ma il tempo corre e la Juve è sempre sotto per due reti a zero. Serve l’estro, serve il sinistro fatato della Joya, serve il tocco preciso e pulito, e questo a Paulo lo si può, lo si deve chiedere. A dieci dalla fine Douglas Costa penetra in area dalla destra e serve Ronaldo ben piazzato in mezzo; il portoghese vede sopraggiungere Dybala dal limite e gli serve l’appoggio. La rapidità di pensiero e di coordinazione del numero 10 bianconero entrano in azione e lui fulmina Wölfli con un sinistro potente ad incrociare. 

Prima missione, compiuta.

Con il suo pregevole centro, tutta la Juve ritrova grinta e ferocia e carica l’assetto da guerra per il forcing finale. I palloni arrivano, arrivano troppi cross imprecisi e non sembra proprio essercene per il pareggio, ma è in questo momento che tutta la tecnica di Paulo viene fuori: Bentancur gli offre un pallone su retropassaggio dopo una delle ultime azioni in mischia nell’area giallonera, e Dybala calcia con tutta la naturalezza del numero 10 un pallone eccezionale a giro che va ad infilarsi nel sette, con il portiere svizzero che nulla avrebbe potuto. 

Seconda missione, compiuta.

I bianconeri possono così festeggiare un incredibilmente insperato pareggio, ma la gioia dura meno di una Dybala Mask: Ronaldo, ritenuto influente sulla traiettoria di tiro, “fa” annullare il gol e rimanda all’aria i sogni di gloria e da protagonista – almeno per una sera… anzi, è solo per questa sera? – del giovane Paulo Dybala.

Seconda missione, (quasi) compiuta.

A cura di Federico Brollo.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy