Wojciech Szczesny: il peso del numero 1 e le pressioni dello scalpitante Perin

Wojciech Szczesny: il peso del numero 1 e le pressioni dello scalpitante Perin


Metabolizzata la sconfitta con il Manchester, la Juventus guarda avanti e cerca la concentrazione per il big match di domenica sera contro il Milan. Ma se c’è qualcuno che starà forse faticando nel trovare la serenità dopo una prestazione negativa, quel qualcuno è sicuramente Wojciech Szczesny.
L’esitazione sul primo goal e lo scivolone sul secondo, hanno causato la rimonta del Manchester United e, di conseguenza, la prima caduta stagionale dei bianconeri. Due errori di grave importanza, che nessuno si aspetterebbe mai dal portiere titolare di un team candidato alla vittoria finale. Parliamo di un portiere che mai (o quanto meno non ancora) ha deciso una vittoria grazie ad un proprio intervento. Parliamo di un ragazzo che non ha esitato nel mettersi sulle spalle la casacca con il numero 1, resa vacante pochi mesi prima, dal più grande portiere di tutti i tempi: Gianluigi Buffon. Ma soprattutto, parliamo di un calciatore che non teme la concorrenza del proprio secondo. Un secondo che potrebbe potenzialmente essere titolare in tantissime squadre militanti in Serie A ed in Champions League, ma che ancora fatica a trovar spazio anche in impegni nettamente alla portata. Mister Allegri, intanto, continua a ripetere ad ogni conferenza stampa “Mattia sta bene, giocherà presto, ma domani il titolare sarà Szczesny”.
La concorrenza, se sana, è un’arma utile negli sport agonistici, in quanto spinge ambo gli atleti a migliorarsi sempre più. Non c’è nulla di più sbagliato della presunzione, soprattutto in uno sport di squadra come il calcio, e fino ad ora, il signor Wojciech Szczesny, ne ha mostrata da vendere.

Mattia Perin attende, siede in panca e osserva le partite con la consapevolezza che (salvo espulsioni o infortuni) non ne prenderà parte. Certamente, per il bene della squadra, non augurerebbe mai un errore al suo collega, ma chissà cosa avrà pensato al momento dei goal del Manchester. Avrà sicuramente rincuorato il suo compagno di reparto, ma in cuor suo avrà pensato “Può essere la mia chance”?.
Questo non ci è dovuto saperlo. Così come non possiamo sapere chi sarà il portiere titolare domenica sera. Possiamo affermare, però, che molti bianconeri, il sottoscritto compreso, sarebbero felici di vedere Mattia Perin fra i pali, allo Stadium, nella gara contro il Milan.

Alessandro Zanzico