Senza Matuidi la Juve non può più stare: imprescindibile

Senza Matuidi la Juve non può più stare: imprescindibile


La Juventus contro il Napoli conquista la settima vittoria consecutiva in campionato. Gli uomini di Ancelotti, dopo essere passati in vantaggio con il gol di Mertens, cadono sotto i colpi di Mario Mandzukic e Leonardo Bonucci. Protagonista di tutti i gol Cristiano Ronaldo, che mette lo zampino in ogni azione offensiva dei bianconeri. Forse la miglio partita fin ad ora del portoghese. Uno degli interpreti della vittoria, però, è sicuramente Blaise Matuidi. Il francese, campione del mondo in carica, ha preso per mano la Juventus e, affiancato da Emre Can e Pjanic, ha dato vita ad un centrocampo tutto muscoli e tecnica.

MATUIDI, MUSCOLI E CORSA PER IL CENTROCAMPO

Matuidi potremmo definirlo l’equilibratore. L’unico che rende equilibrato e unito il centrocampo della Juventus. Il francese con la sua duttilità e la sua forza in mezzo al campo, tiene uniti anche i settori tra loro, facendo da ‘collante‘ tra difesa ed attacco. Arrivato a Torino tra qualche dubbio, in bianconero fino ad ora ha regalato solo ottime prestazioni. Ecco perché prenderlo dal Psg è stato un colpo di mercato. Un colpo di mercato cercato e voluto anche da quello che possiamo definire ex amministratore delegato della Juventus, Giuseppe Marotta.

Nel 4-3-3, modulo al momento preferito da Allegri, il francese si esalta; in realtà Allegri ha capito di non poter più fare a meno del francese. Matuidi è di vitale importanza per gestire le transizioni della Juventus e con il potenziale offensivo a disposizione, il francese diventa fondamentale.

La forza e le qualità di Matuidi possono essere la chiave del successo della Juve e Massimiliano Allegri non se ne vuole assolutamente privare; Matuidi è diventato imprescindibile.

 

Andrea Bargione