La vera forza della Juventus? L'alchimia dei reparti