West Ham-Juve, un doppio nuovo inizio: i motivi per non perdersela

west-ham-juve-betway-cup
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È calcio d’agosto, ma sempre meno amichevole: a due settimane dall’inizio del campionato, la Juventus sfida il West Ham United, per la Betway Cup – ideata per l’inaugurazione ufficiale del nuovo impianto degli Hammers. Lasciato lo storico Upton Park, gli inglesi si sono spostati all’Olympic Stadium, costruito per Londra 2012 e ora rinominato London Stadium.

La presentazione ufficiale

L’amichevole di lusso contro i bianconeri sarà l’occasione per presentare l’impianto agli occhi del mondo. Prima del fischio d’inizio, ci sarà una cerimionia d’apertura, che segnerà una nuova era nella storia del club. Tuttavia, lo stadio ha già ospitato la sfida di Europa League contro il Domzale, lo scorso giovedì.

Il trofeo

Il trofeo in palio è stato ideato dall’artigiano Russ Williams, specializzato nella lavorazione del metallo e storico tifoso degli Hammers. È uno scudo, ispirato allo stemma dei Thames Ironworks, formazione diventata poi il West Ham. Inoltre, i calciatori vestiranno un completo celebrativo, che ricorda proprio quella squadra.

Williams con il trofeo, fatto a mano da lui
Williams con il trofeo

La coppa sarà il collegamento ideale tra il passato e un glorioso futuro, che società e tifosi si aspettano dal nuovo stadio: un impianto moderno, costruito nel rispetto dell’ambiente. E che ospiterà un doppio nuovo inizio: per i padroni di casa, ma anche per la Juventus.

La nuova Juventus

I bianconeri hanno finalmente fatto l’ultimo passo, quello che li divideva dalle grandi d’Europa: hanno speso tanto, per portare a casa nomi importanti e talenti assoluti. Da Pjanić a Higuaín, i due migliori calciatori del campionato italiano, passando per Dani Alves e Benatia, che rinforzano un reparto eccezionale, arrivando a Pjaca.

pogba-scudetto-juve
Pogba sarà a Vinovo?

Anche se dovesse partire Pogba, come ormai pare, questa Juve sembra più forte: persa la classe spregiudicata del francese, ci sarebbe il killer instinct del Pipita e la tecnica sopraffina di Pjanić. Senza dimenticare l’apporto fondamentale di Dani Alves e Benatia e quello possibile di Pjaca.

La prima bianconera

Oggi ci saranno tutti: sarà la vera prima. Più della recente tournèe, dove abbiamo visto tanti esperimenti tattici, limitati dall’assenza di alcuni elementi fondamentali.

Foto: LaPresse
Foto: LaPresse

Come dichiarato dallo stesso Allegri, la Juve si schiererà col 4-3-1-2: spazio dal primo minuto a Dani Alves, Benatia e Pjanić. Higuaín, invece, entrerà a gara in corso al posto di Mandžukić. Contro ci sarà un avversario di livello, avanti dal punto di vista fisico e che potrebbe giocare in Europa.

I motivi per non perdersi questa gara sono tanti: dalla presentazione del London Stadium all’esordio della nuova Juve. Una squadra che potrebbe davvero regalare gioie ai tifosi bianconeri.