Il responsabile marketing Juve: “In Australia per la crescita del brand. In arrivo nuovi sponsor”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il calcio di alti livelli, al giorno d’oggi, non è più soltanto un gioco. Non si parla più soltanto di partite e di allenamenti, ma entrano in campo altri fattori determinanti per fare grande una squadra: si parla di brand, di sponsor, di commercializzazione. Lo sa bene Giorgio Ricci, responsabile marketing della Juventus, che ha rilasciato alcune dichiarazioni a Tuttosport.

TOURNEE – “Quello in Australia è il primo tour davvero sinergico in cui alle partite della squadra vengono affiancate due-tre attività al giorno non soltanto per gli sponsor, ma anche per i tifosi. Le gare della Juventus sono in un certo senso marginali rispetto a ciò che si muove intorno: danno contenuto, però la tournée è molto altro. E in Australia abbiamo riscontrato un seguito importante”.

DOPO BERLINO – “Le nostre attività commerciali coincidono con la riaffermazione costante della squadra a livello europeo, culminata nella finale di Berlino. Non esiste più una logica limitata alla semplice disputa delle partite, ma si va all’estero per “seminare” il brand, sfruttandone il potenziale commerciale. E dopo la finale di Champions League del 2015 il nostro appeal è sensibilmente aumentato a livello di valore, richieste e ingaggi”. 

Coreografia Juventus Stadium.

OBIETTIVI – “Altri mercati da conquistare? Cina e Sud Est asiatico, Australia compresa, oltre al Nord America. Vogliamo creare un modello esportabile altrove, con ulteriori sponsorizzazioni che stiamo per annunciare dopo aver siglato accordi in Nigeria, Messico e Cina. In Europa, intanto, ci godiamo il mercato francese: lì siamo fortissimi”.