Sei qui: Home » Editoriale » Ci vuole calma, testa, solidità. Ma Alex Sandro cade nel tranello degli immaturi…

Ci vuole calma, testa, solidità. Ma Alex Sandro cade nel tranello degli immaturi…

Era una trasferta insidiosa, Verona. Per tanti, troppi e vari motivi. C’erano le luci della storia destinate a Toni, ad esempio. E poi la voglia di rivalsa dell’Hellas dopo una stagione delirante, mista ad una pancia clamorosamente piena col trentaquattro sul petto. Inevitabilmente, un po’ s’arriva col freno a mano tirato. Che dopo un girone vissuto in apnea, sembra quasi necessario.

Ecco, giusto per capirsi: motivi per appannarsi ce n’erano, eccome. E si sono visti. Più o meno tutti.

A SINISTRA – Si sono visti soprattutto nell’estro spento e nella corsa meno fluida di Alex Sandro. Che prima tiene bene sulla sinistra, poi cade nei piccoli, infami tranelli di una partita mai realmente sghiacciatasi. Tra difficoltà e peccatucci, infatti, l’ex Porto finisce per scontrarsi con un picco importante d’immaturità: accade, quando non si sta sul pezzo. Accade, quando non si sta attenti. Accade, ma non dovrebbe mai accadere. Neanche quando la partita è ininfluente, nemmeno se non c’è più niente in ballo. Del resto, la tenuta psicologica di un giocatore la si valuta anche da questi attimi: Alex Sandro, dopo il match del Bentegodi, ha fatto un piccolissimo passo indietro.

LEGGI ANCHE:  Borriello: “Juve, contro il Milan non puoi farlo!”, poi la risposta su Vlahovic e Milik

alex_sandro_juventus_2015_2016TESTA – Sia chiaro: niente di clamoroso. Però il dato resta, così come l’incazzatura di Allegri. Che su Sandro punta e punterà in futuro, e che quindi qualche dettaglio vorrebbe limarlo sin da subito. Lo sa bene, il mister: ci vuole calma. E testa, e solidità. Chiedere per credere a Leo Bonucci: fiondatosi sull’arbitro a fischio arrivato, sebbene non ci fosse motivo o alcuna preoccupazione di classifica. No, qui nessuno vuol perdere. Anche a scopa, neanche a scarabeo. Una mentalità, questa, che porta lontano. Uomini, squadra e società: col dna non si scherza, mai. Indica geni, strada e destino. Quello della Juve? Vincere. Sempre, comunque, ovunque. Ci siamo intesi, Alex: lo stare sul pezzo non ammette giorni festivi. Ne va dell’immagine del gruppo, del cuore dei tifosi. Ne va della tua crescita: tra mille fattori, probabilmente il più importante.

CriCo

 

I commenti sono chiusi.