Alex Sandro, il re della corsia sinistra