Sei qui: Home » News » Accusa di stupro: il pubblico ministero chiede sei anni di reclusione per l’ex Juve Portanova

Accusa di stupro: il pubblico ministero chiede sei anni di reclusione per l’ex Juve Portanova

Nelle ultime ore, sono arrivati aggiornamenti riguardo la presunta violenza sessuale che vedrebbe coinvolto Manolo Portanova. Il fatto risale alla notte tra il 30 e il 31 maggio 2021, durante una festa in un’abitazione del centro storico di Siena. Un gruppo di ragazzi è accusato di aver violentato una ragazza.

Nel corso dell’udienza con rito abbreviato davanti al gup del tribunale di Siena, Ilaria Cornetti, Nicola Marini ha avanzato le sue richieste. Il pubblico ministero ha chiesto sei anni di condanna per il ventiduenne calciatore del Genoa e per suo zio, Alessio Langella, che di anni ne ha ventiquattro. Per un altro presunto colpevole, Alessandro Cappiello, venticinque anni, è stato chiesto il rinvio a giudizio. L’ultimo indagato sarà giudicato dal tribunale dei minorenni di Firenze, dato che non aveva ancora raggiunto la maggiore età, quando si è verificato il fatto.

LEGGI ANCHE:  Szczesny esaltato in diretta: "Ha fatto il miglior gesto tecnico del Mondiale!"

La carriera di Portanova potrebbe, dunque, finire anticipatamente a causa di questa sentenza. Il giocatore ha vestito in passato la maglia della Juventus, sia con le giovanili sia in prima squadra. Tra il 2019 e il 2021 ha raccolto soltanto tre presenze a Torino, prima di trasferirsi al Genoa.

FEDERICO LUIGI DI MINGO