Sacchi difende i bianconeri: "Giù le mani da Sarri, Juve bella e armoniosa"

Sacchi difende i bianconeri: “Giù le mani da Sarri, Juve bella e armoniosa”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nell’analisi scritta di proprio pugno per Gazzetta dello Sport, Arrigo Sacchi ha elogiato la Juventus nonostante la sconfitta (la prima in stagione) rimediata a Roma contro la Lazio. L’ex allenatore ha difeso a spada tratta il tecnico bianconero Maurizio Sarri, lodando le qualità di questa nuova Juventus. Queste le sue parole, pubblicate stamane sul giornale roseo:

“La Juventus, unica squadra imbattuta in Europa, cede contro una Lazio in grande forma. I bianconeri di Sarri partono bene come non mai: bel possesso, ottime verticalizzazioni, palla che viaggia veloce, pressing e raddoppi a iosa. Gli uomini di Inzaghi soffrono e traballano. I bianconeri segnano con il risorto Ronaldo dopo una splendida azione. Potrebbero arrotondare il risultato, sbagliano alcuni gol: mai vista quest’anno una Juve così bella ed armoniosa. La Lazio soffre ma non crolla, aspetta momenti migliori. I ritmi della Juventus sono elevati, il pressing continuo grazie a una squadra compatta e organica come non mai. La domanda che veniva naturale era: quanto continueranno con questa intensità? I primi 30-35 minuti sono stati da ricordare, mentre negli ultimi 10 si è notata una flessione. I biancazzurri hanno più spazio e tempo per le giocate. Si infortuna Bentancur, uno dei migliori. Tutta la squadra non riesce più ad avere il dominio del gioco. I laziali si avvicinano sempre di più all’area avversaria e palleggiano con Luis Alberto. Nel secondo tempo e in particolare dopo l’espulsione, per me forse troppo severa di Cuadrado, la Lazio di Inzaghi dilaga. I biancazzurri, sorretti da una straordinaria forma, segnano un gol da favola per tempismo e qualità tecnica con il miglior Milinkovic della stagione. Complimenti ai ragazzi di Inzaghi che ormai sono una certezza. Non condivido le critiche severe che hanno subito Sarri e i suoi uomini. Quest’incontro ha fatto capire a tutti, giocatori e giornalisti più attenti, che la strada iniziata nel primo tempo può essere quella vincente in Europa. Ora è fondamentale che i giocatori juventini seguano il loro tecnico con convinzione. In Europa è determinante l’organizzazione di squadra che innalza il lavoro di ogni singolo, dà coraggio e rende creativi. Così devono fare i bianconeri, capeggiati dal loro leader e capitano Leonardo Bonucci. Persona intelligente e grande giocatore, mi rifiuto di credere che abbia mancato di rispetto al suo allenatore. Si vince uniti praticando un calcio positivo e di dominio basato sul bel gioco e sull’organizzazione. Occorre un gruppo che possegga, prima di tutto: modestia, generosità, passione ed entusiasmo. Un team con etica del collettivo e del lavoro, con un obiettivo condiviso e dove tutti durante la settimana lavorano con impegno dando tutto se stessi. Una vera squadra nello spirito e nel gioco. Un gruppo pensante ed intelligente. In Europa si vince quasi sempre con il collettivo e l’organizzazione e il dominio del gioco. Solo saltuariamente si è vinto con un football difensivo o puntando prevalentemente sui fuoriclasse. “

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy