Allegri: “Non meritavamo la sconfitta. Nedved è stato bravo e sul futuro…”

Massimiliano Allegri
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Massimiliano Allegri al termine della partita persa contro la Roma ha analizzato il match che si è disputato all’Olimpico. Indicazioni molto importanti anche sul suo futuro sulla panchina bianconera ed in chiave calciomercato.

Roma-Juventus, Allegri su futuro e mercato

Colpo in difesa? Al mercato ci pensa la società. Come ogni anno, bisogna sederci e vedere dove migliorare. Quest’anno abbiamo vinto due trofei, in Champions siamo arrivati ai quarti non nelle migliori condizioni. Abbiamo pagato le 5 assenze pesanti, purtroppo. Cosa chiederò nell’incontro con Agnelli? Bisogna valutare l’annata di quest’anno e quella futura, perché dopo 8 anni, l’anno prossimo sarà ancora molto difficile. Sarà molto più difficile vincere in campionato, bisognerà avere idee molto chiare ed essere molto lucidi, come la società lo è stata durante l’anno. La frase di Nedved? Si parla solo di questo oramai, non so, Nedved è stato bravo a metterla in questo modo così per 3-4 giorni ci sarà motivo di parlare.”


È importante sapere quanti anni di contratto ha un allenatore? Il gruppo risponde in maniera diversa?
“Per me non è mai stato un problema. Queste partite come quelle di stasera non valgono niente, la squadra è campione da 4 partite. Se ho da fare un appunto, abbiamo sbagliato troppo nell’ultimo passaggio. Abbiamo avuto una supremazia schiacciante, non abbiamo segnato. Chiellini non alzava a pallonetto quella palla se la partita valeva qualcosa, la spazzava in tribuna. Abbiamo preso gol su due palle in uscita nostre.”
Qual è il reparto che rinforzeresti per migliorare la squadra? “È normale che la squadra ogni anno si possa migliorare, bisogna fare una squadra equilibrata. Non si possono avere due punte centrali o due che non sono punte centrali, non si possono avere 3 mediani anche se una volta li ho fatti giocare nel Milan. C’è Paratici che è bravissimo, è normale che l’anno prossimo sarà molto più difficile sia in campionato che in Europa.”