Roberto Pruzzo al CdS: "Odio la Juve, quando perdono è festa per me"

Roberto Pruzzo al CdS: “Odio la Juve, quando perdono è festa per me”


A poche ore da Juve-Roma ad accendere gli animi ci pensa Roberto Pruzzo, ex attaccante giallorosso: “Sportivamente parlando io odio loro quanto loro odiano me. Quando perdono per me è festa”.

IL DOPO DI FRANCESCO
“Se dovessero cambiare Eusebio, un solo nome: Mourinho. Forse è un sogno, ma la Roma ha bisogno di uno come lui”.

JUVE-ROMA ULTIMA SPIAGGIA?
“Mi sembra esagerato con una che le vince quasi tutte. Non trovo giusto nemmeno addossare tutte le colpe a Di Francesco, hanno sbagliato tutti. Di sicuro paga l’allenatore. Ma il vero problema è che questa squadra non emoziona” continua l’ex bomber giallorosso, “Oggi alla Roma mancano i protagonisti, dei veri campioni… Sono stato il primo in Italia a togliermi la maglia dopo un gol, solo quella volta e mai più. Gli davo un significato. Questa maglia l’ho addosso io, ma è vostra. Adesso non esiste più questo, oggi prevale la recita. Quando torno a Roma la gente ancora impazzisce per me. Non capisco perché, io ho fatto il massimo che potessi fare, andare sotto la curva dopo un gol, ma non frequentavo i salotti o i club”.

L’INVOLUZIONE DI SHICK
“Il tempo è scaduto. Mi piaceva alla Sampdoria ma non puoi stare due anni a Roma e non dare un segnale. Bisogna decidere, magari anche a gennaio”.

ULTIME NOTIZIE